16 ottobre 1943, la deportazione del ghetto di Roma

16 ottobre 1943

“All’alba di sabato 16 ottobre 1943, un centinaio di soldati tedeschi, dopo aver circondato il quartiere, catturarono 1022 ebrei, tra cui circa 200 bambini. I prigionieri furono rinchiusi nel Collegio Militare di Palazzo Salviati in via della Lungara – scrive Wikipedia – Trasferiti alla stazione ferroviaria Tiburtina, furono caricati su un convoglio composto da 18 carri bestiame. Il convoglio, partito il 18 ottobre, giunse al campo di concentramento di Auschwitz il 22 ottobre. Soltanto 17 deportati riusciranno a sopravvivere, tra questi una sola donna e nessun bambino”.

“La richiesta fatta il 26 settembre da Kappler alla comunita’ ebraica di consegnare 50 chili d’oro, pena la deportazione di 200 persone, illuse gli ebrei romani che tutto quello che i tedeschi volevano fosse un riscatto in oro – leggiamo sul sito 16 ottobre 1943 – In realta’ nelle stesse ore le S.S., con l’ausilio degli elenchi dei nominativi degli ebrei forniti dall’Ufficio Demografia e Razza del Ministero dell’Interno, stavano gia’ organizzando il blitz del 16 ottobre”.

Tags: , , , , ,

Advertisement

Newsletter