Istat, stime Pil a -2,6 per cento

Pil recessione

Il prodotto interno lordo italiano nel secondo trimestre del 2012 e’ diminuito dello 0,8% rispetto al trimestre precedente e del 2,6% nei confronti dello stesso periodo del 2011. Lo ha reso noto l’Istat confermando le stime preliminari diffuse a settembre, stime peggiori rispetto al dato fornito dal Ministero dell’Economia appena due settimane fa sul dato complessivo del 2012 (-2,4 per cento). Rivista la variazione acquisita del Pil al secondo trimestre per l’intero 2012 che passa da -2,1% a -2,0%.

Gli aggregati della domanda interna che hanno subito una revisione del tasso di variazione congiunturale sono: gli investimenti fissi lordi (-2,1% con una revisione di +0,2 punti percentuali), le importazioni (-0,5% con una revisione di -0,1 punti percentuali) e le esportazioni (+0,1% con una revisione di -0,1 punti percentuali). I comparti di attivita’ economica che hanno registrato una revisione della variazione congiunturale sono l’agricoltura (-2,1% con una revisione di -0,2 punti percentuali) e l’industria in senso stretto (-1,4% con una revisione di +0,3 punti percentuali).

Tags: , , , ,

Advertisement

Newsletter