“Letteratura e teatro in corsia”

Letteratura corsia

La scrittrice Rosalba Panzieri e’ co-autrice assieme a Massimo Santini, direttore del dipartimento cardiovascolare dell’ospedale San Filippo Neri, di un progetto denominato Letteratura e teatro in corsia, primo laboratorio di ricerca stabile in Italia per umanizzare le terapie attraverso l’arte. L’ha intervistata Italia Magazine online.

“Proprio mentre ero in tour, affiancata da cardiologi e cardiochirurghi straordinari, ho scoperto di dovermi sottoporre ad un intervento di chirurgia cardiaca per una malattia che, pur non dandomi alcun sintomo, mi poneva a rischio di vita – spiega la Panzieri – Tutto questo avveniva poco dopo essere stata presentata come esordiente dell’anno alla kermesse nazionale “libri da scoprire”, dove mi veniva affidata la chiusura dell’evento con “tango sola”- Arpanet Edizioni, insieme a scrittori quali Andrea De Carlo, Barbara Alberti, Oliviero Beha, Cinzia Tani.

San Filippo Neri

E’ stato quasi un debito di carne che l’arte mi poneva di saldare, quasi un tributo per arrivare davvero in fondo al senso comune dei miei spettatori. L’obiettivo del progetto – prosegue l’autrice – e’ quello di dipanare verita’, restituire l’uomo al sentimento dell’incontro, che e’ preludio e sostegno alla scienza, fondamento altretanto importante nella guarigione dell’azione chirurgica. La parola e’  pensiero che diventa materia, e sono convinta sia il primo veicolo di conoscenza di sé e degli altri, il primo elemento per tornare ad una medicina che mette l’uomo al centro della sua ricerca. L’obiettivo e’ quello quindi di umanizzare la medicina, far si che medico e paziente tornino a guardarsi come individui che vivono la stessa  solitudine e che insieme, riconoscendosi come persone e come alleati possono superare la malattia e tornare alla guarigione”.

Tags: , , , ,

Advertisement

Newsletter