Lombardia, Formigoni appeso a un filo chiamato Lega Nord

Salvini Formigoni

L’arresto dell’assessore Domenico Zambetti, accusato di voto di scambio con la ‘ndrangheta, evidenzia due fatti gia’ conclamati: la criminalita’ organizzata calabrese ha da tempo messo le mani sulla Lombardia; Roberto Formigoni e’ sempre piu’ debole, nonostante rimanga disperatamente attaccato alla poltrona.

Non bastava l’indagine a suo carico per corruzione internazionale e le inchieste della magistratura su svariati consiglieri di maggioranza. L’arresto di un componente della Giunta potrebbe convincere in maniera definitiva la Lega Nord a staccare la spina al governo del Celeste.

“Io e Maroni – ha spiegato Matteo Salvini, braccio destro del numero uno del Carroccio – incontriamo Formigoni con in tasca le dimissioni dei nostri. Lasciamo a Formigoni la scelta se fare un passo a lato o indietro, ci ragioni su stanotte, la Lega e’ determinata ad andare avanti”. Parole pronunciate al termine della riunione di stanotte.

“Ci aspettiamo quantomeno l’azzeramento della giunta, il dimezzamento degli eventuali nuovi assessori ed eventualmente un nuovo presidente della Giunta – ha concluso Salvini – Siamo consci del fatto che prima di aprile si andra’ a votare”.

Tags: , , , , , , ,

Advertisement

Newsletter