L’Unione Europea contro Google: “Non tutela la privacy”

Ue

L’Autorita’ per la protezione dei dati personali dell’Unione Europea contro Google. Il colosso di Mountain View e’ finito sotto la lente d’ingrandimento dell’organismo continentale a causa della privacy policy resa operativa lo scorso marzo e che consente a Google di incrociate i dati degli utenti che utilizzano tutti servizi targati Mountain View (da Gmail a Youtube, passando per Google Maps). “Google tratta i dati di milioni di utenti sparsi nel mondo – dichiara il presidente dell’Autorita’ italiana, Antonello Soro – i quali non sempre sono consapevoli dell’uso che viene fatto delle loro informazioni personali.

Per questo e’ indispensabile che operi in modo corretto e nel rispetto dei diritti fondamentali, cosi’ come riconosciuti dall’Unione europea. L’azione coordinata delle Autorità europee svolta nei confronti di Google rappresenta in questo senso un messaggio importante ai grandi colossi della rete affinche’ accettino la sfida di una nuova policy piu’ responsabile e attenta alla dignita’ delle persone”.

L’Unione Europea ha inviato una lettera a Mountain View chiedendo di “farsi parte attiva nella tutela della privacy e di rendere conforme alla direttiva sulla protezione dei dati personali le nuove regole, operative dallo scorso marzo – scrive l’Authority – L’azienda deve chiarire finalita’ e  modalita’ di combinazione dei dati tratti dai vari servizi forniti e mettere quindi a punto strumenti per consentire agli utenti un piu’ stretto controllo sui propri dati personali”.

Tags: , , , , ,

Advertisement

Newsletter